Info Fiscali
Home


Documenti d'acquisto a tutela del cliente
 


Emissione Scontrino Fiscale o Fattura all'atto dell'acquisto.

 Il nostro punto vendita all'atto della vendita di un prodotto, sia direttamente in negozio, sia per corrispondenza, accompagna il prodotto stesso con un regolare scontrino fiscale, o regolare fattura se richiesta dal cliente.

La precisazione è dovuta dal momento in cui alcuni punti vendita stanno applicando prezzi decisamente sospetti e giustificati solo dal fatto che stanno operando con esenzione I.V.A., senza avvisare che, a monte dell'acquisto, o come più spesso capita, a fronte di un controllo fiscale al punto vendita interessato, il cliente stesso verrà segnalato agli uffici di competenza fiscale come acquirente che opera in esenzione I.V.A.

Alla fine dell'anno solare il cliente che ha effettuato l'acquisto in esenzione, dovrebbe versare direttamente l'I.V.A. che non ha pagato al momento dell'acquisto con una dichiarazione personale, ma non essendo stato informato di questa situazione dal punto vendita, che logicamente opera nel tacito consenso, non segnala quasi mai l'operato rischiando di essere coinvolto a sua insaputa in una frode fiscale per il mancato versamento dell’imposta.

Pertanto, restando decisamente sottinteso che ognuno è libero di gestire i suoi acquisti come meglio crede, suggeriamo di controllare sempre lo scontrino fiscale che viene allegato al momento dell’acquisto, lo stesso deve riportare la dicitura del ministero delle finanze con regolare numero di registrazione fiscale, e non deve essere un semplice pezzo di carta con un normale numero progressivo ( questo è l’unico modo che vi potrà garantire che il punto vendita versa l’imposta dovuta e non scarica su di voi l’onere di farlo).

La stessa regola vale anche per la fattura, che, se non fiscale, deve essere accompagnata da un regolare scontrino, o, viceversa, deve contenere la numerazione fiscale dell’apposita registrazione d’acquisto del ministero delle finanze e l'apposito bollo di registro.

Le fatture numerate, ma prive di questa caratteristiche, così come gli scontrini non regolari, sono semplici pezzi di carta che segnalano solo che il punto vendita in questione non ha versato l'I.V.A. allo stato italiano, ma, per tutelarsi ha segnalato il vostro nome come acquirente che opera con esenzione I.V.A. e quindi ha scaricato su di voi tutte le responsabilità fiscali e conseguentemente penali che al contrario invece dovrebbero essere di sua sola competenza. 

 La direzione
Novecento